Chi Siamo
00_Quarta_di_copertinaVittorino Carra nasce a Carpi il 24/1/1927, sposa Wanda Pirazzoli ed insieme hanno cinque figli: Roberto, Romana, Daniela, Riccardo, Davide.

Nella sua carriera ricopre numerosi incarichi, tra cui:

  • Deputato al Parlamento nella III, IV, V legislatura (1958-1972);
  • Membro dell'Ufficio di Presidenza nella V legislatura;
  • Dirige dal 1972 al 1978 le sedi provinciali INAM di Modena, Bologna e Milano;
  • Commissario Straordinario ENPAS nel 1981 e 1983-1987;
  • Commissario Straordinario della Croce Rossa Italiana dal 1987;
  • Membro del Consiglio Superiore di Sanità dal 1987.

Durante un viaggio nel 1985 visita le principali missioni dei Padri Camilliani nelle Filippine, in Thailandia e Taiwan. Profondamente colpito dalla drammatica realtà sociale e sanitaria in cui operano i missionari e spinto dal suo innato senso di cristiana solidarietà verso i più bisognosi, inizia un costante e produttivo impegno per le missioni.

Dopo l'improvvisa scomparsa di Vittorino, il 28 Marzo 1989, la moglie Wanda, i figli e gli amici decidono di proseguire sulle orme tracciate per onorare la memoria di chi aveva preso tanto a cuore il destino dei più bisognosi. Questa spontanea aggregazione di persone, unite dal fine comune della solidarietà e cooperazione verso i più deboli, prende la forma di una fondazione registrata a Manila nel 1990 come "Vittorino Carra Foundation, Inc." e successivamente una associazione registrata in Italia come "Vittorino Carra Solidarietà - ONLUS" nel 2002.


 

100% Efficacia

I fondi ricevuti vengono COMPLETAMENTE utilizzati per le opere realizzate dall'associazione. Vittorino Carra Solidarietà è organizzata in maniera tale da non produrre costi di gestione.

Sostienici

IBAN:
IT19N05034233
00000000025524

C.F.:
94102220368


I vostri nomi

I VOSTRI NOMI
(A tutti i benefattori)

Abbiamo scritto
i vostri nomi.
Li abbiamo scritti
sui muri della nostra casa.
Ma la pioggia
e il passare del tempo
li hanno cancellati.

Poi, li abbiamo scritti
su petali di fiori,
ma il sole li ha appassiti.
E il vento della sera
se li è portati lontano.

Allora...
li abbiamo scritti
nel nostro cuore:
e né il sole
né il vento,
né lo scorrere
lento del tempo
li potranno cancellare.